Come riconoscere l’autenticità ed il valore dei gioielli

Cristina Fiorentino - 29 novembre 2018
fashioncieffe-riconoscereigioielli

Per molte persone, l’idea di potersi avvicinare al mondo dei preziosi, è qualcosa che esercita sempre un certo fascino, un pò per una questione puramente estetica, un pò per il più che conosciuto valore economico di questi oggetti.
Pertanto potrebbe sicuramente rivelarsi utile, sia per passione sia per lavoro, riuscire a riconoscere l’autenticità ed il valore dell’oro, dell’argento o dei gioielli in genere. Per farlo in maniera molto accurata e professionale, come è facile intuire, non basta una semplice lettura ma anni ed anni di studi ed esperienza sul campo ma, come prima analisi, potrà sempre tornare utile conoscere delle nozioni basilari per evitare di incappare in spiacevoli inconvenienti o per poter riconoscere in poche mosse qualcosa di valore da un pezzo di metallo o vetro di bassa qualità.

– Prima analisi di un oggetto in oro o in argento:

Per riconoscere dell’oro di valore da un pezzo falso o scadente, potremo innanzitutto andare a cercare, ad occhio nudo o grazie all’ausilio di una lente di ingrandimento, il cosiddetto ‘punzone’. Con questo termine indichiamo il valore che è stato inciso sull’oggetto in oro o in argento, attraverso la punzonatura, che ne indica i carati. Se tale dicitura è del tutto assente, tendenzialmente, il pezzo potrebbe essere un falso a meno che non si tratti di un oggetto come un anello, un bracciale o simili che sia stato esposto ad usura. In questi casi il punzone potrebbe essere stato levigato dall’utilizzo nel tempo e, dunque, non più visibile.
Qualora invece fosse visibile potrà presentarsi in valore numerico indicato, per l’oro, in millesimi “(1-999 o 0,1-0,999) o in carati (10k, 14k, 18k, 22k o 24k)”.
Nel caso in cui si ha tra le mani un pezzo in argento è bene considerare che la punzonatura riporterà un valore tra 800, 925 e 950. E’ bene ricordare che in alcuni casi il punzone è presente ma potrebbe essere contraffatto. Pertanto è sempre un bene non fermarsi a questa prima analisi ma cercare ulteriori conferme del valore del pezzo.

Lascia un commento